Consiglio Agricoltura e Pesca del 17 maggio (22.05.2016)

Il 17 maggio 2016 si è tenuto in Lussemburgo il Consiglio Agricoltura e Pesca (Agrifish), presieduto da Martijn van Dam, Ministro dell’agricoltura dei Paesi Bassi.

La pluralità delle tematiche affrontate sottolinea l’importanza di tale Consiglio. Oltre alle materie prettamente legate al settore agricolo ed ittico di seguito riportate, i Ministri degli Stati membri si sono occupati anche di Affari economici e finanziari, come dimostrato dalla decisione del Consiglio di adottare nuove regole volte a garantire una maggiore precisione e integrità dei parametri di riferimento degli strumenti finanziari.
In particolare non ha sollevato obiezioni ad un Regolamento della Commissione recante la modifica del regolamento 153/2013 sui requisiti che le controparti di contratti su derivati finanziari devono avere per la compensazione. In materia di bilanci, il Consiglio ha adottato un regolamento che modifica il 609/2014 sulla messa a disposizione da parte dell’UE delle proprie risorse; in materia di Giustizia, il Consiglio ha adottato una decisione (7771/16) relativa all’adesione della Croazia alla convenzione, elaborata sulla base dell’articolo K3 del Trattato sull’Unione europea, relativa alla tutela della Interessi finanziari delle Comunità europee e al protocollo del 27 settembre 1996, al protocollo del 29 novembre 1996 e al secondo protocollo del 19 giugno 1997; in materia di Telecomunicazioni, il Consiglio ha adottato nuove regole per rafforzare la sicurezza informatica in tutta l’UE; in tema di Trasporti, il Consiglio ha adottato una decisione che stabilisce la posizione dell’UE in occasione della 54° sessione dell’OTIF (Organizzazione intergovernativa per i trasporti internazionali per ferrovia) che si terrà il 25 maggio 2016. In materia di Energia, il Consiglio ha deciso di non opporsi all’adozione di un regolamento della Commissione relativo al sistema di trasmissione interconnesso, che istituisce una rete di connessione a richiesta (7394/16), che riguarda impianti di consumo e sistemi di distribuzione, compresi i sistemi di distribuzione chiusi. In materia di Salute, il Consiglio ha deciso di non opporsi all’adozione di una direttiva della Commissione che modifica la direttiva 2005/62 / CE per quanto riguarda gli standard di qualità e le specifiche per i centri ematologici (7566/16)

• Tematiche agricole:

1) Agricoltura e clima – i Ministri hanno avuto uno scambio di opinioni sul rapporto tra agricoltura e clima, alla luce dell’Accordo di Parigi sul clima tenutosi a dicembre 2015 (8772/16). In particolare i Ministri hanno dato il loro parere circa l’attuazione del lavoro legislativo conseguente all’Accordo di Parigi, dando rilievo alla bio-economia e al cambio di destinazione d’uso dei suoli.

2) Benessere degli animali – Il Consiglio ha preso atto dei risultati ottenuti dall’erobarometro sul benessere degli animali. Tali risultati hanno posto in rilievo la piattaforma europea sul benessere degli animali e i ministri hanno dato il loro parere circa le materie che essa deve affrontare e sulla sua composizione.

3) La semplificazione della politica agricola comune – Il dibattito si è incentrato sui pagamenti diretti e sulle misure di mercato da prendere, ad eccezione dello strumento dell’inverdimento, che sarà oggetto di una separata discussione al Consiglio del mese di giugno 2016.

4) La situazione del mercato agricolo – La Commissione ha aggiornato il Consiglio sugli ultimi sviluppi dei settori agricoli che attualmente versano in particolari difficoltà, soffermandosi sui settori del latte, delle carni suine, della frutta e degli ortaggi (8803/16). La Commissione ha inoltre fornito informazioni sull’attuazione del pacchetto di misure di sostegno concordate nel corso della riunione del Consiglio del 14 marzo.
Con riguardo alla situazione di crisi del mercato lattiero-caseario, la delegazione croata ha chiesto la predisposizione di un aiuto eccezionale e temporaneo agli allevatori, simile a quello previsto nel pacchetto del settembre 2015. Con riguardo ai danni provocati all’agricoltura a causa delle gelate tardive e della neve, diverse delegazioni hanno esortato la Commissione ad agevolare l’applicazione dei regimi di aiuti di Stato nei paesi interessati e la necessità di applicare una forza maggiore per l’attuazione delle misure della PAC. Con riguardo alla doppia qualità dei prodotti alimentari sul mercato comune UE, la delegazione ceca ha sollevato la questione del cibo venduto nel mercato comune europeo sotto lo stesso marchio, ma con differenze di contenuto e qualità nei singoli stati membri. Con riguardo al TTIP ed altri negoziati, la Commissione ha informato i ministri rispetto agli accordi di libero scambio e in particolare, il 13° ciclo di negoziati TTIP, l’accordo economico e commerciale con il Canada (CETA), e la negoziazione dell’Accordo Mercosur. I Ministri hanno ribadito la necessità di proteggere l’agricoltura europea nel quadro di questi accordi e di prestare particolare attenzione alle denominazioni di origine e alle indicazioni geografiche protette. Con riguardo alla protezione delle indicazioni geografiche nei negoziati commerciali internazionali, la delegazione greca ha attirato l’attenzione dei ministri sulla necessità di difendere le denominazioni di origine (DOP) da concorrenza sleale nel contesto dei negoziati commerciali internazionali, per coinvolgere in maniera più partecipata i ministri dell’Agricoltura in tali negoziati (8790/16).

5) Riproduzione animale – il Consiglio ha adottato il regolamento relativo alle condizioni zootecniche e genealogiche per l’allevamento, il commercio e l’ingresso nell’Unione di animali riproduttori di razza pura, suini ibridi riproduttori e i loro prodotti germinali, a seguito di un accordo in prima lettura con il Parlamento europeo (PE-CONS 3/16).
In base al nuovo regolamento, che costituisce un quadro giuridico unico più completo, le operazioni di riproduzione dovranno rispondere a criteri specifici al fine ottenere il riconoscimento e l’approvazione dei loro programmi di allevamento da parte delle autorità nazionali.

6) Dichiarazione OCSE su un sistema alimentare globale – Il Consiglio ha autorizzato la Commissione a firmare, a nome dell’Unione europea, la Dichiarazione su “Migliori Politiche per realizzare un sistema alimentare globale produttivo, sostenibile e resiliente”, adottata dall’OCSE il 7-8 aprile 2016.

7) Pesticidi – Il Consiglio ha deciso di non opporsi all’adozione di una serie di regolamenti che modificano il regolamento 396/2005, per quanto riguarda i livelli massimi di residui (LMR) in o su determinati prodotti per: etofumesato, etoxazole, fenamidone, fluoxastrobin e flurtamone (7610/16); – AMTT, diquat, dodina, glufosinato e tritosulfuron (7599/16) ; 1-naftilacetammide, 1-naftilacetico acido, cloridazon, UV-P, fuberidazolo, mepiquat e tralcossidim (7632/16); abamectina, acechinocil, acetamiprid, benzovindiflupyr, bromoxynil, fludioxonil, fluopicolide, fosetil, mepiquat, proquinazid, propamocarb, proesadione e tebuconazolo (7641/16).

• Tematiche riguardanti la pesca:

1) Groenlandia, possibilità di pesca e contributo finanziario. – Il Consiglio ha adottato una decisione relativa alla conclusione del protocollo che fissa le possibilità di pesca in Groenlandia e la contropartita finanziaria prevista dall’accordo di partenariato nel settore della pesca tra UE e Danimarca da un lato e governo locale della Groenlandia e UE dall’altro.

Luca Martelli

Comments are closed.