Consiglio Affari Esteri del 23.06.2014 (08.07.2014)

Il 23 Giugno 2014 si è tenuto in Lussemburgo il Consiglio Affari Esteri . Tanti sono stati i temi trattati nel corso della seduta, ma quelli che hanno visto un maggiore impegno da parte del Consiglio sono quelli riguardanti due aree geopolitiche: l’Europa Orientale e il Medio Oriente.

1. Per quanto riguarda la situazione in Ucraina, il Consiglio, dopo una serie di colloqui con il ministro degli Esteri ucraino Pavlo Klimkin, ha deciso di appoggiare il piano di Pace del presidente Ucraino Poroshenko, ritenendolo l’unica alternativa valida per allentare la tensione nel paese, invitando tutte le parti ad onorare il cessate il fuoco e di creare le condizioni necessarie per l’esecuzione del piano.

2. Si è dibattuto anche sugli ultimi sviluppi della situazione in Iraq, in presenza dell’inviato speciale dell’ONU per l’Iraq Nikolay Mladenov. Il Consiglio ha espresso profonda preoccupazione per il rapido deterioramento della sicurezza nel paese ed ha condannato gli attacchi perpetrati dalle milizie dell’ ISIL (Stato Islamico dell’Iraq e del Levante). Il Consiglio ha ribadito il supporto dell’Unione Europea alle autorità di Baghdad nella lotta al terrorismo, sottolineando che la risposta armata necessita di essere accompagnata da una soluzione politica sostenibile coinvolgendo tutti i leader e le comunità irachene. Per rispondere alla crisi umanitaria, la Commissione ha varato un piano di aiuti di dodici milioni di euro prelevati dal fondo dell’Unione Europea per le emergenze umanitarie.

3. Sulla situazione in Libia il Consiglio ritiene la situazione politica libica in una fase critica nella sua transizione verso la democrazia. La Commissione condanna il dilagare della violenza nel paese, e auspica che si avvii un processo di pacificazione interna attraverso un dialogo inclusivo che sia in linea con le aspirazioni democratiche del popolo libico e con il rispetto dei diritti umani e civili. L’Unione Europea inoltre riconferma il suo impegno per la missione delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) la quale ha un ruolo cruciale nel garantire un supporto internazionale al dibattito politico tra tutti i principali attori del paese. La Commissione ha espresso profondo cordoglio per le recenti morti in mare dei migranti che partono dalle spiagge libiche. Si richiamano le autorità libiche ad indirizzare, grazie anche al supporto dell’Unione Europea e del resto della comunità internazionale, i propri sforzi nel monitoraggio delle frontiere e nella lotta al traffico di esseri umani sviluppando adeguate capacità di ricerca e soccorso.

4. Considerata la gravità della situazione in Siria, il Consiglio ha definito un rafforzamento delle misure restrittive dell’Unione Europea contro il regime siriano. Il Consiglio ha deciso di colpire 12 ministri del governo siriano con il congelamento dei beni e il divieto di viaggio nei paesi dell’UE attribuendo loro la responsabilità di gravi violazioni dei diritti umani. Assieme a questi, sono stati congelati i beni di 53 enti collegati agli esponenti politici del governo, tra cui anche la Banca centrale della Siria.

5. Per quanto concerne l’Afghanistan, il Consiglio accoglie il secondo turno delle elezioni presidenziali tenutesi il 14 Giugno, ritenendole un momento storico per la transizione democratica del paese. L’Unione Europea ha profuso un impegno straordinario negli ultimi 12 anni nel paese, in collaborazione con la comunità internazionale, nello sviluppo di uno Stato che sia in grado di controllare il proprio territorio, riducendo le minacce derivanti dal terrorismo, indirizzando e attuando i diritti del proprio popolo. L’UE ritiene fondamentale che il processo di pace e di riconciliazione nel paese sia guidato e mantenuto dagli afgani stessi al fine di garantire stabilità nel Paese e nella Regione. Tuttavia, il Consiglio ritiene – di fronte a temi quali la sicurezza e l’economia del paese – che sarà necessario un impegno a lungo termine di collaborazione con il governo Afgano assieme alle Nazioni Unite e alla NATO.

Fabio Sulli

 

 

 

 

 

Comments are closed.